Tradizione ma con un twist
19/10/2016

















Esattamente così potrei
descrivere in breve il matrimonio che ho seguito verso metà giugno e di cui ora
vi racconterò. Protagonista una giovane coppia di sposi che desiderava un tono
formale, abbastanza solenne per le loro nozze, sdrammatizzato però da qualche
tocco divertente, sbarazzino, qualcosa che rompesse le regole e portasse un po’
d’allegria. Così, in una soleggiata Bologna di fine primavera, all’ombra della
Torre degli Asinelli e della Garisenda, io e il mio staff abbiamo decorato la
chiesa con dei fiori bianchi e passato grigio perla, un abbinamento molto haute
couture, il massimo della raffinatezza e dell’eleganza, mentre presso Palazzo
Pepoli Bentivoglio, splendida residenza di campagna di architettura rinascimentale
– neoclassica alle porte della città, i tavoli per il ricevimento erano vestiti
a festa con candide tovaglie di lino e preziosi candelieri avvolti in rami di
edera su cuscini di fiori rosa e gialli, una scelta classica e sontuosa, in
linea con lo stile della location e le richieste degli sposi.
Avere un matrimonio
tradizionale, con un richiamo al passato, era il loro desiderio: ma come fare a
rendere più briosa un’atmosfera così formale, dove inserire il tocco diverso?
Ecco l’idea: una volta finita la cerimonia, ad attendere fuori dalla chiesa gli
sposi c’era sì la loro Bentley, ma per l’occasione decorata con la targa “Just
married” e delle simpatiche lattine bianche e rosse, attaccate al parafango con
dello spago, proprio come vuole la tradizione arrivata a noi dai tempi degli
antichi Romani, quando si credeva che il rumore provocato dai barattoli potesse
allontanare dalla coppia gli spiriti
maligni, cominciando così la nuova vita a due sotto i migliori auspici.

non trovate anche voi che si sposino alla perfezione con la macchina d’epoca?
Un tocco di brio… nel solco della tradizione!



BACK