La dea fortuna
17/12/2013
Sapevate che in fatto di amuleti i ciclamini sono un vero portento? Pare che messi intorno alle case proteggano dai filtri malefici, lo dice addirittura Plinio il Vecchio. Non solo, oltre a fungere da contravveleno per i morsi di vipere e serpenti nel caso in cui voleste cimentarvi a compiere un azione col pensiero: basta tracciare sulla fronte un cerchio col suo profumo e… voilà!
Certo poi ci sono gli amuleti quelli seri, per esempio in Giappone i templi shintoisti vendono dei sacchettini in stoffa xhe contengono una preghiera scritta su un foglio di carta od un pezzo di legno che assolutamente non deve mai essere aperto. Si tratta degli amamori, la loro protezione dura un anno dopo, di che deve essere restituito al tempio per il corretto smaltimento.
Poi i tarocchi, gli oroscopi… A proposito qualche anno fa si leggeva che i segni dello zodiaco fossero in realtà tredici e non dodici: sarà vero?
Cosa non si farebbe per allontanare il male dalle nostre vite. Forse però è l’unico modo che il destino ha per dirci che ci sono sogni che aspettano solo di essere desiderati, attenzione però… a volte i desideri si avverano!

In ordine di pubblicazione:
- in prima pagina, la “Personificazione dell’astrologia” del Guercino, ©Mattes;
- amuleto giapponese, © Rama;
- amuleti giapponesi in vendita in un tempio shintoista, ©Rdsmith;
- campanile di Messina, ©Saiko;
- orologio astronomico, ©Sebas;
- la dea Tyche (la fortuna) con in braccio Pluto bambino, ©G. Dall’Orto;
- una carta dei tarocchi raffigurante la forza, ©Aristea


BACK