La magia di un abito
08/01/2013
Chi avrebbe mai detto che l’amore è diventato importante per il matrimonio solo nel 1700? E grazie alla rivoluzione francese e americana che lo annoverò tra i diritti fondamentali dell’uomo. Esclusivamente da questo momento, una donna sarebbe stata libera di cercare il suo principe e di coronare il suo sogno, indossando uno splendido abito stile impero allora in voga.
Anche se non posso credere che la sposa medievale con il suo abito colorato, che avrebbe indossato per altre occasioni, non avrebbe desiderato altrettanto. E lo stesso penserei di una sposa del 1500, con il suo lungo strascico decorato, i ricchi ricami, le pietre preziose, le maniche attillatissime. Credo che a volte i singoli pensieri siano più forti della storia. Per esempio, in genere si pensa che il tempo in cui si sta vivendo sia il più libero in assoluto. Invece quale sposa sarebbe tanto audace da indossare un abito inumidito, senza corsetti ne altro, per mostrarsi ancora più bella, come nel 1800?
Cambiano i modi di esprimersi, le sensibilità, ma non i sentimenti e l’abito da sposa è un incantesimo capace di risvegliare la principessa che è in ogni donna.

Gli abiti sono di Domo Adami.
BACK