Sulle note di un valzer
26/10/2012
Sulle note di un Valzer
Ecco cosa ci vuole per sfuggire alla malinconia di tutte quelle giornate fredde, grige e nebbiose tanto tipiche della stagione atunnale: un pied a terre a Vienna e uno strepitoso abito da sera in valigia.
Immaginate una casa dall’atmosfera vellutata, seducente e assieme accogliente come il palco di un teatro d’opera, con i suoi misteri e le sue verità. Cosmopolita come le persone che la abitano, curiosa della vita, aperta al mondo. Un cuore che batte in pieno centro della città dei Valzer e dei caffè.
L’amonia dei colori, i soppalchi, le scelte stilistiche: sembra che tutto danzi attorno a chi abbia deciso di varcare la soglia di casa. Un luogo intimo, dove è bello sostare, ci si sente accolti. Non stupisce di percepire così tanta gioia, sembra si sia attaccata sui ninnoli, sulle tende meravigliose, sui divani, nella camera da letto appartata, in cucina. La si sente come fosse una presenza viva.
E poi le feste, l’opera, i balli...
BACK