Tempo d'estate
12/09/2012
“le sere turchine d’estate andrò nei sentieri ,
punzecchiato dal grano, calpestando erba fina:
sentirò trasognato, quella frescura ai piedi.
E lascerò che il vento mi inondi il capo nudo.

Non dirò niente, non penserò niente: ma
L’amore infinito mi salirà nell’anima,
E andrò lontano, più lontano, come uno zingaro,
Nella natura, - felice come una donna”

Che Arthur Rimbaud abbia scritto qui “Sensazione”?
BACK