Una casa addormentata
27/06/2012
Nel chiarore lanuginoso dell’alba, una casa, circondata da prati ed alberi rigogliosi, aspetta di essere destata da un bel sole estivo. Tra poco i suoi ospiti lasceranno le loro camere e la villa si animerà della tipica atmosfera di una domenica mattina, quando il tempo sembra dilatarsi ed il pomeriggio, la sera, il giorno dopo, sono lontani allo stesso modo di un decennio.
La colazione verrà servita nel patio, e non appena inizierà a soffiare un leggero venticello indolente ci si addentrerà nel parco della villa, dove al suo interno ad aspettare gli ospiti c’è una grande luminosa piscina. Comode sdraio bianche punteggiano il verde del prato che contrasta con il blu-turchese dell’acqua.
All’interno della casa predomina il bianco, sporcato con una scala dal pavimento a scacchi bianca e nera e a molti particolari rossi, dalle poltroncine fino al bollitore per il tè.
Le camere da letto affacciate sul parco infondono armonia.
Qui la vita scorre beata.
BACK